Dario Fo - Gesł e le donne
Dario Fo
Gesł e le donne


Euro: 45.00
Pagine: 320

Compra on line
   



Personalmente sono convinto che Gesù sia esistito davvero e che possedesse  straordinarie doti di fabulatore. Come avrebbe potuto altrimenti catturare l’attenzione appassionata di migliaia di uomini e donne, per non parlare dei bambini? Le folle non lo seguivano solo per i suoi miracoli, ma per la commozione e la gioia che sapeva comunicare con le sue storie.
Di San Francesco si diceva che “di tutto el suo cuorpo facea parola”. Questo valeva anche per Gesù. Egli portò ai disperati l’agape, ovvero l’amore, e di questo amore gran parte ne regalò alle donne.
Dario Fo 
 
In questo volume Dario Fo mette in scena un racconto di forte impatto visivo su un argomento di grande attualità, rileggendo i testi sacri e la storia di Gesù dalla parte delle donne. Nel corso di molti anni di ricerche, il più grande affabulatore italiano si è reso conto che esistono una serie di equivoci e distrazioni non sempre casuali nella lettura del Vangelo. Tra le varie mistificazioni che si sono prodotte, la più eclatante è stata quella di occultare, o far sparire del tutto, la presenza delle figure femminili dalla vita di Gesù. Soprattutto attraverso lo studio dei Vangeli apocrifi e delle immagini dei primi secoli del Cristianesimo si scopre al contrario non solo la loro costante presenza al fianco del Messia,  ma anche la predilezione che aveva per loro e la rivoluzione che egli ha operato dando a esse dignità e parità in una società misogina come quella in cui viveva.
Lo studio della relazione tra Gesù e le donne assume in questo libro i tratti illuminati e visionari dell’autore, in un racconto che sembra prendere il ritmo e i gesti, gli accenti e l’intonazione di uno spettacolo teatrale.
 
 
NOTE BIOGRAFICHE
Dario Fo (nato a San Giano, presso il Lago Maggiore, il 24 marzo 1926) è scrittore, scenografo, drammaturgo, pittore, attore e regista. È famoso per i suoi teatrali che rinnovano le giullarate medievali e il teatro buffo della Commedia dell’arte, nonché la satira politica, l’impegno sociale e civile. Insieme alla moglie Franca Rame ha creato e allestito recitando in coppia molte opere rappresentate in tutto il mondo. I loro lavori sono una settantina tra commedie, farse, spettacoli musicali e monologhi: tra questi i più famosi sono senz’altro Coppia aperta, Mistero Buffo e Morte accidentale di un anarchico.
Nel 1997 ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura con la seguente motivazione: “Figura preminente del teatro politico che, nella tradizione dei giullari medioevali, ha fustigato il potere restituendo la dignità agli oppressi.”
I suoi testi teatrali sono attualmente pubblicati da Einaudi, mentre i recenti libri riguardanti i grandi maestri dell’arte sono editi da Franco Cosimo Panini (La vera storia di Ravenna, 1999, Caravaggio al tempo di Caravaggio, 2005, Il Mantegna impossibile, 2006, Bello figliolo che tu se’, Raffaello, 2006). Nel 2007 è uscita un’autobiografia scritta con Giuseppina Manin, Il mondo secondo Fo (Guanda).






FEED RSS
Aggiornamenti in real time
Sito web realizzato da Visiant Outsourcing